Flash News
Home » Avellino » Altavilla Irpina, Ciriaco De Mita solidarizza con il Sindaco Vanni e dice No al biodigestore di Chianche
Altavilla Irpina, Ciriaco De Mita solidarizza con il Sindaco Vanni e dice No al biodigestore di Chianche

Altavilla Irpina, Ciriaco De Mita solidarizza con il Sindaco Vanni e dice No al biodigestore di Chianche

Domenica scorsa nel tardo pomeriggio, visita a sorpresa dell’On. Ciriaco De Mita presso la casa comunale di Altavilla Irpina. I buoni rapporti istituzionali e di amicizia con il sindaco Mario Vanni hanno spinto l’attuale primo cittadino di Nusco a prendere una ferma presa di posizione contro la realizzazione del biodigestore di Chianche (a confine con il territorio altavillese) finanziato dalla Regione Campania guidata dall’uscente Vincenzo De Luca del PD e suo alleato in questa competizione elettorale regionale. L’ex Presidente del Consiglio non le manda certamente a dire e alla Web Tv locale ATV ha alzato il tiro contro chi fa impresa dichiarando che “ha la sensazione della stupidità degli imprenditori perchè avendo una possibilità non si rendono conto che cancellano una delle opportunità più rare. Questa zona ha un futuro notevole perchè l’aggregazione del territorio in quel posto, le piccole comunità, l’ambiente, le produzioni sono funzionali alla crescita di quel tipo di comunità”. Stoccata al sindaco di Chianche Carlo Grillo, senza mai nominarlo che lo ha definito uno dei responsabili “senza pensiero“. La Provincia di Avellino per De Mita “ha estensioni notevoli e ci sono offerte di spazi possibili“. Ha continuato il discorso dicendo che trovava singolare “che qualcuno debba ritenere che quella iniziativa debba ricadere in un pezzo di territorio. La cosa più vergognosa è quella del sindaco capofila di questa vicenda – ha rimarcato il politico – dove confonde la tutela della comunità con la tutela della salute. E’ peccato però che noi abbiamo smarrito il senso dell’analisi politica e l’analisi politica rischia più di affermarsi sulla convenienza immediata di qualcuno, anzichè sulla tutela dell’interesse del cittadino”.         

Roberto Vetrone    

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top