Flash News
Home » sport » Altri sport » Automobilismo, Impresa Bierremotorsport-SportAuto Manicardi al Rally del Molise: con Siano-Piccinino è secondo posto assoluto
Automobilismo, Impresa Bierremotorsport-SportAuto Manicardi al Rally del Molise: con Siano-Piccinino è secondo posto assoluto

Automobilismo, Impresa Bierremotorsport-SportAuto Manicardi al Rally del Molise: con Siano-Piccinino è secondo posto assoluto

Il team di Ivano Berselli e Marcello Manicardi coglie il miglior risultato di sempre nella gara organizzata da ACI Campobasso: la Peugeot 208 biancorossa, affidata al pilota avellinese Pierpaolo Siano ed alla navigatrice abruzzese Ilenia Piccinino (in azione e sul podio nelle foto di Leonardo D’Angelo), centra un impensabile argento, impreziosito dal successo di classe e tra le due ruote motrici.

Ci sono giorni che non si dimenticano. Che ti restano dentro e ti accompagnano, per sempre. Ecco, domenica 8 ottobre, per il team di Modena Bierremotorsport-SportAuto Manicardi e per il suo equipaggio composto dal pilota di Avellino Pierpaolo Siano e dalla navigatrice di Ortona Ilenia Piccinino, resterà un giorno indimenticabile. Perché al Rally del Molise, team ed equipaggio hanno colto il miglior risultato delle rispettive parabole agonistiche, grazie ad un secondo posto assoluto alle spalle del talento locale Giuseppe Testa (a bordo di una vettura di categoria decisamente superiore). Per la compagine biancorossa, da sempre specializzata nella preparazione di vetture di medio/piccola cilindrata e, segnatamente, in quelle di categoria R2, si tratta del primo podio nella sua ormai decennale esperienza sui campi di gara.

 “Non avremmo mai immaginato di chiudere la nostra spedizione a Campobasso sul podio!”, esclama, ebbro di gioia, il direttore tecnico Marcello Manicardi. Il quale, poi prosegue nel racconto di questo fine settimana così speciale. “Il podio assoluto non poteva essere un obiettivo ipotizzabile, tanto meno in questo caso, visto che abbiamo definito l’accordo con Pierpaolo Siano all’ultimo momento; abbiamo avuto davvero pochissimo tempo per preparare la vettura e partire alla volta del Molise, dove ad attenderci c’era un’esperienza con un equipaggio sconosciuto in un rally mai affrontato prima”.

 A Campobasso, poi, nel breve volgere di poche ore si è dischiuso uno scenario favorevole, fertile base sulla quale costruire la splendida cavalcata agonistica: “Abbiamo scoperto in Siano un pilota con buona esperienza e, in particolare, con trascorsi significativi su vetture di classe R2. Insomma, ci siamo trovati a parlare la stessa lingua e questo ci ha posto subito in ottima sintonia. Abbiamo affrontato la gara con l’assetto predisposto alla vigilia, in officinapiuttosto diverso da quello utilizzato la settimana prima all’Appennino Reggiano -, che si è rivelato ottimale sia per queste strade veloci ma molto sconnesse, sia per lo stile di guida di Pierpaolo. L’equipaggio, da parte sua, è stato perfetto, adattandosi ad una vettura inedita e correndo con grande intelligenza, senza farsi prendere dall’entusiasmo ma staccando tempi sempre più competitivi. Siamo estremamente felici di questo risultato, che riteniamo il frutto di un fine settimana eccellente sotto ogni profilo. Ci rallegriamo di aver conosciuto Pierpaolo ed Ilenia, con i quali speriamo di poter tornare a correre al più presto. Per quanto ci riguarda, considero questo secondo posto come un premio a tutta la squadra, per la dedizione e la passione con la quale abbiamo sempre lavorato. E’ un momento storico, che condividiamo non solo tra noi e le nostre famiglie, ma anche con tutti coloro che, in un modo o nell’altro, ci sono vicini. Vorrei, infine, spendere un ringraziamento speciale per Massimo e tutto lo staff di Lunigianagomme per l’appoggio che ci hanno dato; e vorrei poi sottolineare il valore del vincitore assoluto, Giuseppe Testa, non solo come pilota, ma anche come persona. Lui, che è molisano e conosce bene la Peugeot 208, ci ha dato qualche consiglio su come perfezionare l’assetto della vettura. Giuseppe mi ha molto impressionato per la sportività, la spontaneità e la trasparenza. La gioia di essere arrivati a podio è aumentata constatando che, sul gradino più alto, c’era proprio lui”.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top