Flash News
Home » cronaca » Avella, sorpresi in possesso di 1100 euro in banconote false: due pregiudicati denunciati dai Carabinieri e allontanati con F.V.O.
Avella, sorpresi in possesso di 1100 euro in banconote false: due pregiudicati denunciati dai Carabinieri e allontanati con F.V.O.

Avella, sorpresi in possesso di 1100 euro in banconote false: due pregiudicati denunciati dai Carabinieri e allontanati con F.V.O.

Prosegue l’azione dei Carabinieri della Compagnia di Baiano, costantemente impiegati in servizi di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Avellino, finalizzati a garantire sicurezza e rispetto della legalità.

I Carabinieri della Stazione di Avella hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria un 28enne ed un 33enne di Napoli, ritenuti responsabili di detenzione di banconote false.

I militari operanti, in tarda serata, insospettiti da quell’autovettura ferma nei pressi dell’Anfiteatro di Avella con a bordo i due giovani, hanno proceduto al controllo.

L’averci “visto giusto” trovava immediata conferma nella perquisizione che i Carabinieri decidevano di eseguire. Infatti, all’esito dell’attività, i due soggetti, entrambi con a carico precedenti di polizia, sono stati trovati in possesso di ben 22 banconote da 50 euro (alcune rinvenute a seguito di perquisizione personale ed altre occultate nel cassetto portaoggetti dell’auto) che dal successivo controllo sono risultate false.

Condotti in Caserma, alla luce delle evidenze emerse, per i predetti è scattata la denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino.

Inoltre, attesa l’illiceità della condotta posta in essere che rendeva ingiustificata la loro presenza in quel Comune, gli stessi venivano proposti per l’emissione della misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio.

Le banconote abilmente contraffatte sono state sottoposte a sequestro.

Saranno ora svolte indagini finalizzate sia all’individuazione dei canali attraverso i quali le false banconote sono state immesse in circolazione sia all’identificazione di ulteriori responsabili.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top