Flash News
Home » cultura » Avellino, da lunedi 18 agosto 2014 torna la mitica Rassegna cinematografica, il Sindaco Foti: “Per il prossimo anno la casa del Laceno d’oro sarà l’ex Cinema Eliseo”
Avellino, da lunedi 18 agosto 2014 torna la mitica Rassegna cinematografica, il Sindaco Foti: “Per il prossimo anno la casa del Laceno d’oro sarà l’ex Cinema Eliseo”

Avellino, da lunedi 18 agosto 2014 torna la mitica Rassegna cinematografica, il Sindaco Foti: “Per il prossimo anno la casa del Laceno d’oro sarà l’ex Cinema Eliseo”

Per il prossimo anno la casa del Laceno d’oro sarà l’ex Eliseo”. È l’annuncio del Sindaco Paolo Foti, a margine della conferenza stampa di questa mattina a Palazzo di Città sulla presentazione del Festival cinematografico che si terrà tra Avellino, Mercogliano e Atripalda dal 18 agosto al 5 settembre. “Considero questa rassegna cinematografica di grande importanza per la città di Avellino – spiega il Sindaco Foti – ma per questa amministrazione la ritengo come la precondizione che fa ben sperare di realizzare il definitivo risanamento di una ferita aperta che è il cinema Eliseo chiuso da tanti anni. Siamo a buon punto e ritengo che tra un anno a partire da oggi riusciremo ad aprire buona parte della struttura. Riaprire il cinema Eliseo significherà anche riaprire la sala cinematografica, con la speranza che i solititi ignoti che sono la vergogna di questa città non vadano a di nuovo a vandalizzare la struttura”.
“Quest’anno inizieremo la manifestazione, le prime cinque serate, nel piazzale dell’ex Gil – aggiunge l’assessore alla cultura Nunzio Cignarella – un modo per riappropriarci di questo luogo, simbolo del Laceno in Irpinia. Mi piace sottolineare la rete che si è creata per l’avvenimento tra tutte le associazioni, i singoli e gli amici che in questi anni hanno tenuto viva la fiammella del cinema in provincia di Avellino”.
Un sogno che diventa realtà – dice Antonio Spagnuolo, direttore artistico del Laceno d’oro – e la consapevolezza che abbiamo rifatto qualcosa di importante per la nostra città e per la cultura che la anima”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top