Flash News
Home » cultura » Prata P.U. sabato 14 settembre alle ore 19.30 nell’Arcibasilica dell’Annunziata torna il concerto di Paolo De Vito
Prata P.U. sabato 14 settembre alle ore 19.30 nell’Arcibasilica dell’Annunziata torna il concerto di Paolo De Vito

Prata P.U. sabato 14 settembre alle ore 19.30 nell’Arcibasilica dell’Annunziata torna il concerto di Paolo De Vito

Grande successo di Paolo De Vito con il recital “Carbone di stelle” nella prestigiosa cornice dello “Sponz Fest”, organizzato con la direzione artistica di Vinicio Capossela. Dopo la brillante affermazione durante il debutto nel cuore dell’Irpinia, un altro palcoscenico d’eccezione. Sabato 14, alle 19.30, nell’Arcibasilica dell’Annunziata di Prata Principato Ultra, infatti, Paolo De Vito con i musicisti Gianluca Marino, Giuseppe Musto e Salvatore Santaniello, eseguirà alcuni brani della nuova perfomance, scritta da Assuntina De Vito, nell’elegante cornice del Premio Internazionale Prata “La Cultura nella Basilica”, organizzato dall’omonima Fondazione guidata da Antonietta Gnerre ed Armando Galdo. La solidarietà è il filo conduttore della manifestazione citata sui siti dell’UNESCO per la sua importanza culturale e sociale.

“Lo spettacolo- afferma lo chansonnier dell’Irpinia- rende omaggio ai tanti emigrati del nostro territorio che, nel secolo sorso, hanno abbandonato i loro paesi per lavorare all’estero, nelle miniere, incontrando, in alcuni casi, la morte per la mancanza di norme di sicurezza. La Valle del Sabato, Altavilla Irpina, Tufo sono luoghi in cui tanti cittadini dell’Irpinia hanno vissuto l’esperienza del lavoro in miniera, contribuendo a migliorare l’economia del territorio”-. Con sensibilità, “Carbone di stelle” lancia alla comunità un messaggio di impegno sociale. “Da sempre- conclude De Vito- i nostri recital sono un invito all’integrazione ed al dialogo interculturale, attraverso il linguaggio universale della musica. A Prata, nello splendido e suggestivo scenario dell’Arcibasilica dell’Annunziata, la vis espressiva della canzone si fonde con l’anelito religioso, rilanciando il valore della pace, dell’accoglienza e della pari dignità del diverso”-. Il repertorio comprenderà alcuni brani “cult” della musica italiana d’autore ed interventi letterari.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top