Flash News
Home » cultura » Una poesia al giorno: Distanti ma uniti
Una poesia al giorno: Distanti ma uniti

Una poesia al giorno: Distanti ma uniti

Distanti ma uniti 

 

Pure ‘o rummore de ppiante s’é fermato,

sottovoce s’hanno ditto:

‘o munno se stancato…

Oramaje a televisione parla pure

quanno ‘e stutata.

Nun ce chiammano cchjú pé  nomme,

mo simm nummere, ca carene uno doppo a nato

comme ‘e bbirilli.

Fore nce sta ‘o sole,

ma dint’ e case nce sta ‘a paura e se tuccà,

paura e correre verso ‘a libertà.

Si, può ghje a  fà a spesa,

ma ‘o sapore ‘e chello ca se mangne 

nun se sente cchjú…

‘O putevemo fà fino ajere e nun l’avimmo fatto,

pecché tutto c’era dovuto e scontato…

pecché ja caré pé capí ca te faje male.

Primmo se parlava sulo ca nun se poteva ascí,

ora si ha cura del proprio scudo, del proprio nido d’amore,

la casa é il  luogo delle mille scoperte,

la passione é nascosta in ogni cosa che fai.

Mo sta bandiera sta asciuttanno ‘e lacrime

‘e stu paese addolorato e ncatenato,

che prostrato invoca misericordia e guarigione

nzieme a tant’ angeli vestute ‘e Janche,

ca nun c’abbandonano manco nu minuto.

Nu paese ca se da curaggio e speranza dint’ a na canzone

cantata ncoppo a nu balcone,

‘e se scetà dimane ‘e sentere nata vota

‘a musica da vita.

È vero: questo silenzio fa rumore nei nostri cuori,

ma forze nce vó parlà, forze nce vó fà capí

ca quaccosa à dda cagnà.

Distanti ma uniti c’a’ putjmmo fà,

Pecché  nuje nu simmo nummere,

nuje simmo perzone ca vonno  turnà a campà.

 

Luca Giuliano

 
 
 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Scroll To Top